I Fondamentali

Chi siamo 
Cos'e' l'Aikido 
Storia dell'Aikido 
I Fondamentali 
Etica 
Aspetto tecnico 
Il maestro 
Primi passi 
Gallery 
Stage 
Glossario 
dojo 
 Corsi 

 

 

 

Nel periodo di massima diffusione dell’Aikido, Kisshomaru fece notare al padre M. Ueshiba che la disciplina all’interno del Dojo doveva essere guidata da un regolamento scritto a causa del considerevole numero di praticanti.

O Sensei M. Ueshiba sorrise e, acconsentendo alla richiesta del figlio, stilò sei principi fondamentali ai quali ogni aikidoka doveva attenersi.

1)          Praticando Aikido è indispensabile seguire scrupolosamente gli insegnamenti del proprio Maestro per evitare di eseguire in modo improprio le tecniche provocando di conseguenza lesioni alle articolazioni e alla muscolatura dei compagni. Il proprio “studio” non si deve tradurre in un inutile test di forza, è necessario andare oltre noi stessi sviluppando le nostre potenzialità.

2)          Aikido è un’arte marziale che insegna ad affrontare più di un avversario contemporaneamente sfruttando l’esternazione della propria energia che, quasi per assurdo, entra in sintonia con quella di chi ci vuole colpire; educa a sviluppare quella fine sensibilità che ci permette di essere sempre pronti a reagire.

3)         E’ possibile praticare Aikido provando un senso di piacere, di divertimento anche quando l’allenamento richiede un notevole impegno sia fisico che mentale. Con l’esperienza, questi diversi fattori diverranno un tutt’uno, la forza che motiva la pratica dell’Aikido.

4)          Il Maestro fornisce degli insegnamenti che ogni atleta deve fare propri. E’ fondamentale l’apprendimento delle tecniche di base ma soprattutto la ripetuta pratica di esse perché solamente dopo questo apprendimento sarà possibile, con molta esperienza acquisita, proporre delle variazioni delle stesse.

5)          Praticare Aikido significa eseguire movimenti “morbidi” del corpo dosando la forza che aumenterà gradualmente di intensità; l’abuso della propria forza può essere controproducente, la moderazione è il mezzo che ci permette l’esecuzione più consona delle tecniche facilitando in questo modo anche il nostro apprendimento.

6)           Aikido significa allenare il corpo e la mente, rappresenta l’integrazione delle potenzialità fisiche, espresse attraverso le tecniche, con il proprio pensiero che dovrà essere caratterizzato da principi di lealtà, sincerità e rispetto.